Le Ultime dallo Stivale

N.11

25 gennaio 2024 – Eleonora Corradi

Le trasmissioni a colori cominciarono in via sperimentale negli anni Settanta, utilizzando inizialmente a giorni alterni due sistemi diversi, il SECAM (francese) e il PAL (tedesco) in attesa delle decisioni del governo relative a quale sistema adottare in maniera definitiva. Nel 1975 si votò a favore del Sistema PAL e la RAI iniziò ufficialmente le trasmissioni a colori nel 1977, in ritardo però di circa 10 anni rispetto alla maggior parte degli altri Paesi, appunto a causa delle polemiche e delle lungaggini burocratiche. 

Gli anni Ottanta e l’inizio della televisione moderna.

Nel 1979 venne fondato il terzo canale RAI e si autorizzò negli stessi anni l’impianto di ripetitori di emittenti straniere, come quelle provenienti dal Principato di Monaco, dalla Svizzera e dalla Jugoslavia, che rimasero abbastanza popolari per una decina d’anni.
La fine degli anni Settanta e gli anni Ottanta furono caratterizzati dalla nascita delle prime televisione private italiane che passarono rapidamente da una diffusione a livello locale a una a livello nazionale; fra tutte, quelle di maggiore successo furono le tre emittenti del Gruppo Fininvest (ora Mediaset), di proprietà di Silvio Berlusconi.
Iniziò così un duopolio RAI-Fininvest che dura ancora ora.
Negli anni 80 venne introdotto il Televideo (il servizio teletext della RAI), la sottotitolazione per non udenti e la rilevazione degli ascolti tramite Auditel (società milanese incaricata di raccogliere e pubblicare dati sull’ascolto televisivo italiano), diventata nel tempo la misura del successo o dell’insuccesso delle trasmissioni televisive italiane.
Nel 1996 la RAI fece il suo ingresso ufficiale in rete, inaugurando il sito www.rai.it e lanciando i primi canali tematici digitali via satellite; nel 2004 lanciò la sua prima offerta di palinsesto sulla nuova piattaforma RaiPlay, dando il via a una nuova era per lo sviluppo del mercato televisivo italiano.



 

PAROLE DIFFICILI 

Mandare in onda: nel linguaggio della comunicazione, significa trasmettere un programma televisivo o radiofonico.

In the language of communication, it means broadcasting a television or radio program.

Ieri hanno mandato in onda un’edizione speciale del telegiornale sulle elezioni americane.

Yesterday they broadcast a special news edition on the U.S. election.

 

Trasmissione in diretta: trasmissione mandata in onda nello stesso momento in cui viene realizzata.

Program that is broadcast at the same time it is made.

Trasmissione in differita: trasmissione registrata e mandata in onda in un tempo successivo.

Program that is recorded and then broadcast at a later time.

Preferisco guardare le trasmissioni sportive in diretta; invece, per i dibattiti politici mi vanno bene le trasmissioni in differita.

I prefer to watch live sports broadcasts; on the other hand, for political debates I am fine with delayed broadcasts.

 

Il televisore: apparecchio ricevitore di un sistema televisivo.

Receiver device of a television system

Per il tuo compleanno ti regalerò un televisore nuovo!

For your birthday I will give you a new TV set!

 

La televisione: l’insieme dei programmi televisivi e delle strutture che li producono.

The whole of television programs and the facilities that produce them.

La televisione italiana offre una grande varietà di programmi.

Italian television offers a wide variety of programs.

 

E ORA TOCCA A VOI!

Completare con la preposizione DI (semplice o articolata) o la preposizione A (semplice o articolata).

  1. “Non è mai troppo tardi” era un corso televisivo, per insegnare ____ leggere e scrivere.
  2. Dal 1977 la televisione italiana trasmette ___ colori.
  3. La RAI ha prodotto grandi sceneggiati ___ altissimo livello.
  4. Inizialmente, i filmati ___ pubblicità avevano solo uno spazio ___ 10 minuti.
  5. Il venerdì sera era dedicato ___ trasmissioni ___ opere teatrali.
  6. La legge del tempo non permetteva ___ televisione ___ interrompere i programmi con la pubblicità.
  7. Nel 1954 gli abbonati ___ televisione sono 24.000, ma nel 1965 diventano più ___ 6 milioni.
  8. Negli anni 80 i programmi ____ televisioni private iniziarono ___ essere trasmessi ___ livello nazionale.
  9. Il punto ___ forza ___ secondo canale della RAI era il cinema.
  10. Il 3 gennaio ___ 1954 iniziarono le trasmissioni ____ televisione italiana, che ___ inizio furono dedicate soprattutto ____ educazione e ____ cultura.
 
Italian TV RAI
Picture of Eleonora Corradi

Eleonora Corradi

Nata e cresciuta a Milano, ha studiato e lavorato a Milano (dove ha ottenuto il suo PhD), Londra, Grenoble, Berna, Parigi e New York; attualmente si occupa di traduzioni tecniche e di insegnamento dell’italiano come seconda lingua.
È autrice e traduttrice di numerosi articoli scientifici pubblicati su riviste specializzate e ha collaborato alla stesura di testi per La Settimana Enigmistica e per pubblicazioni di scuole internazionali.
Da quasi venti anni insegna italiano agli stranieri e negli ultimi sette ha lavorato presso Collina Italiana. Durante le sue lezioni, ama arricchire la didattica della lingua e della grammatica con la lettura di articoli, libri, fumetti e brevi testi, al fine di far conoscere ai suoi studenti la cultura, le tradizioni e le espressioni tipicamente italiane, utilizzando anche giochi e curiosità sulla lingua, l’origine e gli usi delle parole.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GRAMMAR – VOCABULARY – VERB TENSES

Play and sip in italiano - Collina Italiana

Saturday, June 15th
4-5:30pm
Indulge in aperitivo, and a fun Italian quiz!

ITALIAN SUMMER MINI CAMP
Flexible, weekly camp
Minimum: 2 days/week
June 10th – August 23rd
Collina Italiana - italian classes for kids and adults - onlne and in-person
New Session for Adults!
Online and in-person classes for adults!
Check levels and courses here.